12 aprile 2022

Alimentazione
DNA

Come un test del DNA può aiutare a ridurre gli effetti dell'invecchiamento

Una dieta corretta ed equilibrata è essenziale per migliorare l'aspettativa e la qualità della vita.

La dieta "ideale" cambia però da individuo ad individuo. Ognuno di noi è diverso dall’altro sia nell’aspetto fisico (colore dei capelli, degli occhi, della pelle e così via), che nella fisiologia "invisibile"  (es., la risposta dell’organismo ad agenti esterni o la capacità di metabolizzare).

Queste differenze sono date dalla disposizione genetica, ovvero dalle informazioni contenute nel DNA, che ci definiscono come esseri viventi. 

Come tutti gli altri aspetti del nostro corpo, anche il modo in cui il cibo e gli alimenti sono assimilati e metabolizzati dal nostro organismo dipendono dai infatti dai nostri geni.

 

Migliorare lo stile di vita: DNA e alimentazione

Oggi, grazie a tecniche di analisi sempre più sofisticate, è possibile studiare le basi genetiche di ogni individuo al fine di migliorare il benessere individuale, lo stile di vita e la salute. Ed è proprio di questo che si occupa la nutrigenetica, ovvero la scienza che studia la relazione tra nutrizione e le caratteristiche genetiche.

Attraverso le analisi della nutrigenetica è possibile ottenere un’alimentazione personalizzata e mirata allo scopo di ridurre il rischio di insorgenza di malattie legale all’alimentazione e di raggiungere e mantenere più facilmente il proprio benessere psico-fisico.

In particolare, i test di nutrigenetica analizzano i geni permettendo di capire quali alimenti si adattano meglio all’organismo. Pertanto, la nutrigenetica, sulla base delle analisi dei geni responsabili del metabolismo, consente la creazione di una dieta personalizzata che tenga conto di queste informazioni.

Tenendo conto del patrimonio genetico del soggetto, alcuni alimenti possono essere inseriti o escluso dal piano alimentare individuale.

 

Quali sono i benefici della nutrigenetica

Lo scopo della nutrigenetica è di aiutare i pazienti a seguire un’alimentazione sana ed equilibrata a seconda del fabbisogno dell’organismo e di creare un intervento dietetico mirato per garantire un maggiore benessere fisico e per prevenire l’insorgenza di patologie metaboliche correlate all’alimentazione.

Fare ricorso alla nutrigenetica ha diversi benefici, tra cui:

  • Aiuta a raggiungere e a mantenere più a lungo il peso forma.
  • Permette di mantenere uno stato di benessere maggiore.
  • Aiuta a ridurre il rischio delle malattie metaboliche quali diabete, ipertensione e obesità.
  • Identifica eventuali intollerenze alimentari.
  • Contribuisce a rallentare l’invecchiamento fisiologico cellulare.

La nutrigenetica ci fornisce indicazioni su come rallentare l’invecchiamento traducendo le informazioni che ci da il nostro DNA in dieta personalizzata, con integrazioni e trattamenti estetici.

alimentazione e dieta sana ed equilibrata

Il test del DNA anti-age come strumento di aiuto per prevenire l'invecchiamento

L’invecchiamento è un processo fisiologico naturale a cui tutti noi siamo soggetti.

Le cause dell’invecchiamento fisiologico sono molteplici e sono legate molto spesso ad una componente genetica e/o a componenti ambientali. Pertanto, conoscere i fattori che causano l’invecchiamento permette di agire tempestivamente per "rallentarlo".

Ciò è possibile mediante un’analisi delle caratteristiche individuali del DNA che permetta di adottare strategie nutrizionali personalizzate al fine di migliorare lo stile di vita.

Tuttavia, ci sono persone a cui il tempo sembra scorri più lentamente, questo perché vivono la loro vita con abitudini più sane e corrette. Infatti, quando si parla di anti-age bisogna anche pensare che invecchiare bene e in salute vuol dire avere benessere psico-fisico, e questo stato si può percepire anche esteriormente.

Chi è in grado di curare il proprio corpo con uno stile di vita idoneo si mantiene giovane internamente ed impara ad accettare se stesso. Per questi motivi e per evitare l’insorgenza di malattie precoci, è neccesario dedicarsi alla prevenzione.

 

Che cos'è il test del DNA anti-age

Per ridurre gli effetti dell’invecchiamento fisiologico cellulare che si riflettono successivamente a livello estetico, è necessario effettuare un test anti-age.

Tale test si basa sullo studio di specifici geni che hanno la funzione di proteggere le cellule da agenti ossidanti e infiammatori al fine di individuare e rallentare i processi che danneggiano i tessuti. Pertanto, il test anti-age permette di fornire un intervento mirato in termini di anti-invecchiamento mediate la creazione di un piano alimentare unico capace di rallentare i processi di invecchiamento fisiologico.

Tale test permette di ottenere informazioni specifiche per un trattamento dietetico mirato.

Il test si basa sull'analisi di una serie di poliformismi per individuare gli stadi di:

  • Stress ossidativo e detossificazione
  • Elasticità della pelle
  • Risposta infiammatoria

Per analizzare tali risultati, ci viene in aiuto il nutrizionista che, attraverso dei test specifici, sarà in grado di elaborare un’alimentazione personalizzata dando indicazioni su integrazioni e trattamenti cosmetici mirati. Grazie alla genetica di nutrizione, è possibile individuare e comprendere i meccanismi che sono alla base di una relazione tra nutrienti e invecchiamento.

 

A cosa serve il test del DNA anti-age

Il test DNA anti-age consente di identificare le eventuali condizioni genetiche che possono portare ad un precoce invecchiamento dell’organismo.

Prima di tutto, è importante evidenziare che il test del DNA anti-age è consigliato a tutti per permettere di avere una valutazione della propria predisposizione genetica all’invecchiamento cellulare e per poter, di conseguenza, prevenire le patologie ad esso correlate.

Attraverso il test anti-age, effettuato con tampone salivare non invasivo, siamo in grado di conoscere gli alimenti che possono contribuire positivamente e negativamente sul nostro invecchiamento.

Dallo studio di specifici geni, che proteggono le nostre cellule da agenti ossidanti e infiammatori, nasce un pannello dedicato a prevenire e rallentare quei processi che sono in grado di danneggiare i tessuti. Dopo aver eseguito lo screening genetico si interviene dal punto di vista nutrizionale con un piano di alimentazione personalizzato sul proprio DNA che rallenta i processi di invecchiamento fisiologico.

Attraverso l’analisi di una serie di polimorfismi specifici viene analizzata la predisposizione a stress ossidativo e stato infiammatorio generalizzato i quali possono causare perdita di equilibrio fisiologico e comparsa precoce di inestetismi cutanei.

Di conseguenza, mediante tale test vengono identificate le eventuali condizioni genetiche che possono dare origine ad un invecchiamento precoce dell’organismo.

Inoltre, vengono indagate la tendenza all’adiposità con aumento di rischio obesità e sindrome metabolica, la sensibilità al sole con un aumento del processo di foto invecchiamento e la capacità della cute di mantenere elasticità e idratazione.

 

Come funziona il test del DNA anti-age

Il test analizza polimorfismi che alterano la regolazione del metabolismo della vitamina D e dell’acido folico, componenti essenziali nei processi di invecchiamento. 

I polimorfismi che vengono analizzati sono:

  • COL1/MMP1 Elasticità cutanea: si tratta di poliformismi che portano alla perdita delle proprietà strutturali ed elastiche della pelle, pertanto indicano la capacità della cute di mantenere elasticità e idratazione. Se viene alterata l’elasticità della pelle si ha un mutamento dell’aspetto in profondità a livello del derma e avviene una degenerazione del tessuto connettivo. Una delle cause della riduzione dell'elasticità cutanea è il rallentamento della sintesi di collagene dei fibroplasti dermici. Inoltre, nelle donne in post-menopausa, si verifica una forte riduzione di sintesi di collagene.
  • AQP3 Stato di idratazione cutanea: in assenza di questo poliformismo, i geni associati perdono elasticità e tonicità. SOD1/NQ01 Stress Ossidativo: Il test ci fa capire se il nostro sistema antiossidante funziona correttamente.
  • VDR(X3) Citoprotezione: regola il differenziamento epidermico e il ricambio delle cellule del follicolo pilifero. Tali polimorfismi, se presenti, portano allo sviluppo di patologie della pelle associate all’iperproliferazione.
  • MTHFR Vascolarizzazione: tale polimorfismo, comporta una riduzione dell’attività enzimatica della MTHFR di circa il 50%, incidendo sulla percentuale di rischio di patologie cardiovascolari portando lo sviluppo di tutti i disturbi legati all’invecchiamento.
  • FLG Cheratizzazione: questi poliformismi possono causare alterazioni nella cute, riducendo i livelli di idratazione, permettendo l'entrata di allergeni, sostenze chimiche e ambientali e aumentando i processi infiammatori locali. L'analisi di questi polimorfismi è importante al fine di individuare il rischio di sviluppare dermatiti da contatto e atopiche.
  • MC1R Sensibilità cutanea al sole: si tratta di poliformismi che velocizzano il processo di foto invecchiamento indotto dalla radiazione solare. Infatti, numerose ricerche evidenziano il ruolo chiave che tale gene svolge nel processo di foto invecchiamento.
  • TNF-alfa Stato infiammatorio generalizzato: uno stato d’infiammazione cronico ha come effetto la comparsa dei segni del tempo tipici del foto-invecchiamento, determinando la perdita dell'equilibrio fisiologico e la comparsa di inestetismi cutanei come la cellulite. 
  • TFAP2B Adiposità localizzata: la presenza del poliformismo determina un accumulo di acidi grassi e un aumento dello stato infiammatorio. Pertanto, può portare ad un aumento del rischio di obesità e sindrome metabolica. Per contrastarla si possono intraprendere trattamenti cosmetici personalizzati.

Attraverso queste conoscenze sarà possibile formulare piani d’azione dettagliati, nutrizionali ed estetici, che contrastano le predisposizioni individuali.

L’ obiettivo finale è di garantire al paziente il massimo livello di benessere possibile.

Chiedi il parere di uno specialista.
Con yealthy è incredibilmente semplice ed economico.

Tutti ci informiamo, soprattutto quando si tratta della nostra salute. Con yealthy trovi le risposte giuste, quelle che ti può dare un professionista e che tengono conto della tua situazione.